Visualizzazione post con etichetta Quiz botanici. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Quiz botanici. Mostra tutti i post

lunedì 31 ottobre 2016

Quiz botanico ottobre 2016


Cinque indizi celano l'identità di un misterioso arbusto da fiore

 
Genere 
specie
 
1
 Anche se è Halloween  e ti vuoi immedesimare nella cupa atmosfera della notte delle streghe  non è assolutamente il caso di  studiare come preparare la temibile  mistura degli zombi utilizzando le mie foglie prese in giardino
  Le trombe del giudizio penserai di ascoltare ammirando i miei fiori ma se angeli o demoni ne saranno i cantori dipenderà solo dall’uso che ne vorrai fare
 Mi pregio di portare il nome di un direttore del più antico Orto Botanico dei Paesi Bassi, che pur avendo indiscusse competenze botaniche, fu particolarmente apprezzato dai suoi contemporanei per dei trattamenti contro la cancrena
4
    La sfinge arriverà di notte scambiandomi per un volgare convolvolo e confusa dal mio conturbante odore si comporterà  da colibrì
5
    Le api non lo sanno che venendomi a trovare producono miele pronto ad inebriare chiunque beva il toè

Soluzione
 
 

lunedì 5 ottobre 2015

Quiz botanico ottobre 2015

 
Cinque indizi celano l'identità di una specie botanica misteriosa
 


1
Non sono per niente freddolosa visto che in autunno con l’arrivo delle prime piogge mi  vedi  stare praticamente nuda
2
Per lungo tempo ho dovuto sopportare di venire confusa con le “stelle del cavaliere” ma finalmente hanno dovuto riconoscere che sono l’unica del mio genere
 3
E' a me che si è ispirata la Ballerina Letterata per scegliere il suo nome arcadico
4
Il 20 settembre se vai a Ventotene a trovare  Santa Candida non dimenticare di portarmi con te
5
Abbiamo  lo stesso nome ma non sono, come l'altra, una droga mortale anche se non ti consiglio di assaggiarmi, potresti stare molto male
 

lunedì 6 luglio 2015

Quiz botanico - luglio 015

Cinque indizi per una specie
 

 
1
Anche se da tempo sono considerato antiquato sarei ancora capace di conciarti per le feste

 2
All’uso dei vecchi contadini, se ti sudano i piedi, metti qualche mia foglia dentro la scarpa, ne proverai un gran sollievo

 3
Non voglio fare il finto modesto ma sono al primo posto per il valore delle unità ORAC

 4
Tra i sette piatti del nuovo giorno simboleggio l’asprezza della vita

 5
Se questa estate passi da Beirut fatti dare la ricetta dello  za'atar che fa così buone le manakish

Soluzione

venerdì 10 aprile 2015

Quiz botanico aprile 015

Cinque indizi per una specie
 
 
Risolvi i cinque indizi e trova il nome scientifico della specie in questione
 

 
 1
Dovevi essere un bravo ed accorto mugnaio se avevi scelto il mio legno per realizzare gli ingranaggi sommersi del tuo mulino

2
Se credi agli oroscopi, tra i ventuno sono quello senza vie di mezzo, velleitario, orgoglioso e con manie di grandezza
3
Che colpi usavi da piccolo per tirare a cannucce?
 
4
Di Frigerio ne conosco una, di frigé tanti
 
5
Mi chiamo Libitea e a tavola non mi piace variare visto che ho le mie foglie preferite da mangiare

Soluzione

venerdì 2 gennaio 2015

Quiz botanico gennaio 015

Cinque indizi per una specie

 
Risolvi gli indizi e trova il nome botanico della specie in questione
 


 
1
Il nome del genere cui appartengo  dice che sono  fautore di una buona sorte

2
Non stare a perder tempo, non togliermi la buccia, saprò stupirti con il mio gusto dolce-amaro

 3
A differenza dei miei parenti più stretti, a me il freddo non fa paura

4
Affrettati e prenota il viaggio: a fine mese a Dade City  mi faranno la festa!
5
 Prima di venire in Italia ero il cibo preferito di  Eta Beta


Soluzione

martedì 21 ottobre 2014

Quiz botanico ottobre 014

Cinque indizi per una specie
Genere
Specie
 
nome comune
1
Gli antichi aztechi mi diedero un nome evocativo della mia forma; sarà per questo che nel 1915 fu ritenuto  assai poco appropriato per designare una rispettabile associazione di coltivatori americani
  2
 Per dimagrire non ti fare ingannare da chi ti consiglia di mangiare i miei frutti a sazietà, per contenuto in grassi gioco alla pari con l’olio di oliva

 3
Se dopo una vacanza al mare gli effetti della tintarella vuoi prolungare non c’è niente di meglio da fare che massaggiarti la pelle con il mio olio

 4
Mi vuoi del gruppo A o preferisci il B: per non sbagliare prendimi entrambi

 5
Sono stata allevata da un postino di Los Angeles e sebbene grinzosa e di pelle scura ho avuto successo in tutto il mondo.


SOLUZIONE
 

domenica 14 settembre 2014

Quiz botanico settembre 014

Cinque indizi per una specie
Genere
Specie
1
Nella miscela creola sono la quota rosa  
2
Come scrisse il cronista peruviano  la mia resina è un portento  nel rimarginare le ferite del popolo di Cuzco  
3
  Le mie foglie sull’acqua rinculano 
 4
Nella Città tre volte Santa vieni a cercar ristoro sotto le mie annose fronde prima di soffermarti a pregare alla stele della IX stazione posta alla soglia del Monastero Etiope  
  5
Alla fine qualcuno ha parlato e così si è saputo che è proprio sulla mia chioma che cercò rifugio il figlio del barone di Livombrosa

 

venerdì 23 maggio 2014

Quiz botanico maggio 014

Cinque indizi per una specie
 
Genere


 1
Ah! Non credea mirarti
Si presto estinto, o fiore;
Passasti al par d’amore,
Che un giorno sol durò….


2

Non bisogna essere un esperto profumiere per sapere che in lozioni e profumi la mia gommo resina è la base che da corpo e forza alle fragranze

3
Per acchiappare mosche e zanzare altro non devi fare che bagnarmi con acqua zuccherata, appendermi al soffitto ed aspettare

 4
Se, nella terra dei nuraghi, vedi gente intenta a perlustrare le mie vaste distese
stai sicuro che non è li per passeggiare ma per scovare Leccinum da preparare sbollentati e fritti secondo l’usanza locale

5
C’è sempre qualcuno che per farsi notare ti si attacca al piede

 

mercoledì 12 marzo 2014

Quiz botanico marzo 014

Cinque indizi per una specie
 

 
1
Gli antichi chiamavano “torcinaso” un mio antico antenato

 2
I miei boccioli sono buoni sotto aceto come quelli della pianta dei cocunci

3
Dove mi piove mi scivola

4
Se non vuoi essere scortese non mandare  mai  un iberico  a raccogliere i miei fiori

5

Come un berretto di lana alla francese



 

mercoledì 29 gennaio 2014

Quiz tropicale

Sapreste riconoscere le 10 specie cui appartengono i frutti indicati in foto?

giovedì 19 dicembre 2013

Quiz botanico dicembre 013

Cinque indizi per una specie
 
1
Il mio fiore è considerato primitivo ma non me ne curo perché appartengo ad una famiglia di antico lignaggio
2

La mia progenie sta appesa ad un filo e penzola dal cocceto
3

Mi porta in campo, dal glorioso 1861, la bandiera dello stato del grande fiume 
4

Hai visto il film dove ”le rane piovono dal cielo ?”
5

Fatta dai ceroplasti vivo alla Specola e data l’età ho bisogno d’aiuto

Soluzione

sabato 21 settembre 2013

Quiz botanico settembre 013

Cinque indizi per una specie
 

1
Sul mio nome gli anglosassoni hanno fatto una gran confusione perché non ho niente a che spartire con aceri di monte e platani

 
2
La dea egizia dell'amore, testa di mucca, figlia di Nut e Re, è la mia signora, onorata solennemente a Dendera nel tempio dei misteri
 
 
 3
Senza di me Zaccheo non sarebbe mai arrivato così’ in alto

 
4
A Lét Marefià nel “luogo dove riposano i sapienti” sotto la mia ombra maestosa si trovano le spoglie di Orazio Antinori, esploratore e naturalista perugino
 
 
5
Sono un privilegiato tra i miei simili perché  sono amico di due diversi agaonidi


SOLUZIONE
 

giovedì 12 settembre 2013

Chinotto, un agrume dal gusto amaricante

Il chinotto è un agrume di origine cinese, di contenute dimensioni, caratterizzato dal possedere  un aspetto raccolto ed un poco arruffato; le piccole foglie lanceolate, infatti, alterne e coriacee, simili a quelle del mirto, sono disposte, sui rametti privi di spine, sovrapposte ed appressate a causa degli internodi dei rami molto ravvicinati. La specie, un tempo veniva considerata botanicamente una variante dell’arancio amaro e per questo era denominata Citrus aurantium sub var myrtifolia; oggi la varietà ha assunto il rango di specie a se stante per cui il chinotto ha denominazione botanica Citrus myrtifolia. I fiori di zagara sono bianchi, molto profumati e raccolti a mazzetti; i frutti sono piccoli, di forma tondeggiante riuniti in grappoli sulla parte terminale dei rami dove rimangono persistenti a lungo, anche per oltre un anno; prima sono di colore verde brillante poi a maturità hanno un colore arancione intenso ed un sapore amaro che non consente di mangiarli tal quali. 
I frutti di chinotto vengono, infatti, per tradizione trasformati in confetture, canditi, sciroppi e bevande dal particolare gusto amaricante. Negli ultimi anni il chinotto ha trovato una certa diffusione come agrume ornamentale coltivato in vaso.

Riportano le cronache che l’introduzione del chinotto in Italia dall’Oriente risale al 1500 ad opera di un navigatore savonese che introdusse la specie in un tratto molto circoscritto della Riviera di Ponente, tra Varazze e Finale, con al centro la città di Savona. In quest’area le condizioni di suolo e clima si rivelarono ideali per la coltivazione del chinotto divenendone da allora coltura tradizionale.
Sito reperimento foto
La coltivazione della specie si è poi diffusa anche al sud con epicentro di interesse in Calabria dove il chinotto è particolarmente coltivato per l’estrazione degli oli essenziali utilizzati in profumeria. 
E’ soprattutto nel XIX secolo che il chinotto fa il suo ingresso nella tradizione dolciaria savonese; sulla base di una ricetta francese rivisitata e corretta viene, infatti, messa a punto una lunga e laboriosa lavorazione di canditura dei frutti di chinotto che venivano conservati sotto sciroppo e serviti, poi,  spolverati da un velo di zucchero, immersi nel liquore maraschino. Una prelibatezza molto amata nel società di fine ottocento il cui consumo si protrasse sino agli anni Venti.   
 
I frutti canditi di chinotto costituiscono una tradizione dolciaria non più in voga  ed è per questo che in tempi recenti il chinotto di Savona è stato inserito tra i presidi Slow Food d’ Italia; inoltre la coltivazione del chinotto in terra savonese è promossa e salvaguardata da un’associazione di liberi buonguastai chiamata “Arciconfraternita del chinotto”.


E’ nella buccia del frutto del chinotto che sta il segreto del suo aroma essendo ricca di elementi aromatici e digestivi. Il processo di canditura rende il piccolo frutto molto morbido internamente mantenendo però una consistenza soda della buccia che oppone resistenza al morso;  da qui il detto savonese “Pelle dura, cuore tenero”.
 

A partire dagli anni 50,  il consumo di una bevanda gassata di colore scuro ottenuta utilizzando il succo del chinotto ha avuto in Italia una grande diffusione. La prima ditta che iniziò la produzione commerciale del chinotto in bottiglia fu la Pietro Neri seguita poi da altre aziende come la San Pellegrino. Una bibita dissetante e digestiva molto simile al chinotto è il kinnie diffusa nell’isola di Malta.
 
Così come avviene per altri agrumi, dalla distillazione  della scorza dei frutti di chinotto, che poi verranno sottoposti a canditura,  si ottiene  un olio essenziale  il cui profumo  ricorda l'arancio ma con un fondo più amaro; l'essenza viene utilizzata come base per la creazione di profumi aromatici come ad esempio “Chinotto in fiore” un omaggio del profumiere di origine savonese Marco Abaton alla sua città ; un profumo, dice la pubblicità, dalle “note di testa fresche, verdi ed agrumate che lasciano spazio ad un cuore rotondo e balsamico”.


Generale Marcello Prestinari (PR) per errore scambiata con la Chinotto
La vera Chinotto
 
Il 28 marzo 1941, al largo di capo Gallo, in Sicilia, sbattendo su una sbarramento di mine inglesi, colò a picco il cacciatorpediniere italiano “Generale Antonio Chinotto”, unità navale della Regia Marina intitolata al generale che nel 1916, sul Carso, diede grande prova di valore nelle ultime battaglie sul fronte Giulia.

 

lunedì 15 luglio 2013

Quiz botanico luglio 013

Cinque indizi per una specie
nome comune
 
 
Genere
specie
1
Sono un cinese immigrato da antica data nella Riviera di Ponente  dove ancora oggi sono tenuto in grande considerazione soprattutto da chi ama mangiare senza fretta.

2
Di me,  solevano dire:  “ Pelle dura, cuore tenero
3
A Malta non c’è rinfresco a cui io non sia presente

4
Note di testa fresche, cuore rotondo e balsamico sono i caratteri del mio profumo

5
Un cacciatorpediniere della Regia Marina Italiana che aveva il nome del “Corsaro del Carso”, affondò al largo di Capo Gallo  sbattendo su uno sbarramento di mine inglesi

SOLUZIONE

 

mercoledì 15 maggio 2013

Quiz botanico "maggio 013"

Cinque indizi per una specie

C’è nel mondo chi mi ama considerandomi aromatica e fragrante e c’è, invece, chi non mi può sopportare trovandomi saponosa e nauseante.

Sono il cuore di palline d’argento poste a decoro di torte d’antan

Se prendi medicine mi dovresti ringraziare perché ti rendo meno sgradevole l 'amaro calice

Tenetemi vicino e terrò a distanza le fameliche tigri

Con zeolite e clorella facciamo un bel gruppo capace di togliere di mezzo chi è troppo pesante

SOLUZIONE 

giovedì 28 febbraio 2013

Quiz botanico febbraio 013

Cinque indizi per una specie
 
Con rispetto, sette volte mi devo inchinare al tuo cospetto prima di raccogliere i sette doni che hai da offrirmi
 
 
Se la magia che è in me vuoi  utilizzare lontano dal gallo che canta mi devi tagliare

 
 Una fiaba strampalata del macabro danese mi racconta come una madre che sta dentro una teiera.
 
 
Abby e Martha, due anziane ziette, ci insaporivano il vino offerto ai  loro ospiti prima di seppellirli nel Canale di Panama.


Sono il prediletto di un  "Auriculare .. molto profumato”
 

lunedì 21 gennaio 2013

Quiz botanico "gennaio 013"

Cinque indizi per una specie
 
 
 

Nell’orologio di Flora del Cavaliere burlone sono messa a declamare la seguente strofa (VI ore pomeridiane)
 Passa dinanzi al Sole
Già l’ora sesta, e brilla
D’una sottil favilla
Ond’arse il primo Amor


Mi chiamano “sposa del sole” perché mi piace interpretarne l’umore


I miei semi son curvi come falci di luna

Devo tutto alla santa Ildegarda che ha saputo valorizzare le mie antiche virtù benefiche

In cucina sono considerata il parente povero dello zafferano, utilizzata per colorare risotti ed insalate, burro e formaggi.


venerdì 30 novembre 2012

Quiz botanico novembre 012

Cinque indizi per una specie
 
Genere
 
Specie
 
 Nell’antichità ero noto come “lancia del re” per la forma del mio scapo fiorale

Nell’Ade di me ce n’era un gran prato la dove avevano dimora coloro i quali in vita non si erano macchiati di colpe gravi ma neanche si era distinti per particolari virtù

Le donne di Ollolai ci fanno l’Iscrarionzu

 La mia radice ridotta in polvere è uno dei principali ingredienti del Distillato della Morte Vivente ( Primo libro di Harry Potter)

In momenti storici di vera carestia i popoli del Mediterraneo hanno mangiato le mie radici come insipide patate
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...