giovedì 17 gennaio 2013

Eugenia Etna Fire

 
Coltivazione di Eugenia Etna Fire, foto di proprietà del vivaio Piante Faro
Eugenia myrtifolia o meglio, secondo la nomenclatura tassonomica GRIN, Eugenia uniflora o Syzygium australe è una specie arbustiva sempreverde di origine australiana, protagonista di uno dei miei post più gettonati forse perchè molto apprezzata nei giardini mediterranei come rustica specie da siepe adattabile e versatile, utile a realizzare, grazie all’aspetto folto e cespuglioso, siepi, schermi divisori, sfondi sia in giardino che in vaso. Ai molti lettori appassionati di Eugenia mi affretto dunque a comunicare il lancio di una nuova varietà,  la Eugenia Etna Fire, selezionata dai Vivai Piante Faro, un colosso nel campo delle produzione di palme, piante mediterranee, sub tropicali e per climi aridi che ha sede in Sicilia, a Carruba di Giarre, in provincia di Catania. Su una superficie aziendale di oltre 500 ettari dedicata alla produzione in contenitore ed in piena terra e con 30 ettari di serre destinati ad una “produzione di qualità” i Vivai Piante Faro realizzano più di 800 specie e oltre 5000 varietà in grado di soddisfare le esigenze di una vasta clientela fatta di vivaisti, grossisti, paesaggisti e gardencenter, distribuendo prodotti in oltre 30 paesi, dall’Europa all’Estremo Oriente.


La nuova varietà di Eugenia "Etna Fire", coperta da brevetto varietale e da marchio commerciale, è il risultato di quattro anni di selezione varietale svolto dai tecnici dell’azienda che ha portato, partendo da una mutazione genetica della varietà"Newport", ad individuare e selezionare una nuova varietà caratterizzata dall’avere le foglie di un colore rosso rubino molto brillante che diventa sempre più intenso nel corso dell’inverno. Una opzione cromatica del tutto nuova per un tocco di colore  e per di più originale in un periodo dell’anno, l’inverno, in cui il giardino è povero di attrazioni. La nuova varietà è stata, inoltre, testata dagli esperti dell’Università di Catania in situazioni di forte freddo, salsedine, resistenza alle malattie dimostrando doti di notevole adattabilità anche a temperature di -7 gradi, carattere che ne farà certamente ampliare l’areale di utilizzazione al di fuori dell’ambito mediterraneo. Eugenia Etna Fire verrà presenta dai Vivai Piante Faro al salone internazionale di Essen in Germania mercoledì 23 gennaio alle ore 16,30 presso lo stand dell’azienda.
la-mia-eugenia-ha-perso-il-colore

10 commenti:

  1. vorrei piantare l'eugenia etna fire ma avendo un cane chiedo se le bacche sono velenose
    grazie
    silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, i frutti di Eugenia o Syzygium myrtifolium non sono velenosi, sono delle bacche dal gusto acidulo che seppur ingerite non determinano alcun problema; dello stesso genere la specie Syzygium jambos produce un frutto chiamato “melarosa” coltivatoed apprezzato nelle regioni temperato-calde tropicali di colore giallo e polpa profumata al sentore di rosa.

      Elimina
  2. Ho due piante in terrazzo e vorrei precisare che la colorazione rossa è presente soli nel nuovo fogliame primaverile e già di estate e poi per tutto l'inverno le foglie sono verde scuro (bello lucido inizialmente). Le mie però hanno sofferto maledettamente il vento ( non il freddo) che le ha defogliate quasi completamente. Me le aspettavo più rustiche e resistenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il vento dei balconi e dei terrazzi è una brutta bestia e molte piante, anche se rustiche nei giardini, non si trovano a proprio agio a meno che la barriera non sia fitta, fatta di vasi e specie diverse che in qualche modo si aiutano e proteggono a vicenda. La colorazione rossa della Etna fire dovrebbe essere più intensa in inverno con le basse temperature

      Elimina
  3. Salve, che altezza possono raggiungere queste piante? io devo separarmi dal mio confinante ed è indispensabile che le piante raggiungano i 2,5 metri. grazie mille per l'aiuto
    cristiano cabras

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se le piante non partono da terra ma da un vascone alto 50,60 cm a questa altezza ci si può anche arrivare ma ho visto siepi di camphora (Cinnamomum camphora)che nello stesso ambiente dell'eugenia assicurano maggiore copertura ed altezza

      Elimina
  4. Γεια σου Marcella!
    Έχω στον κήπο μου, είναι μεγάλη σαν δέντρο, αλλά την κλαδεύω κάθε χρόνο. Τώρα είναι κόκκινα τα φύλλα της, μετά γίνονται πράσινα και στην Ελλάδα την λέμε "Fotinia".
    Πολλά φιλιά!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Magda, sono diverse le specie che in primavera producono nuovi getti di colore rosso tra queste Photinia serrulata (la tua specie) ed Eugenia uniflora (quella delle mie foto). Un abbraccio

      Elimina
  5. Buongiorno Signora Marcella, desideravo porle un quesito riguardo la mia siepe di Eugenia Newport. Appena trapiantate in giardino le piante sono partite con estrema vigoria raggiungendo in un anno quasi due metri di altezza. Quest'anno causa il caldo feroce alcune anno perso molte foglie che stanno però riformando a seguito di un aumento delle innaffiature.
    In questi giorni per aumentare la permeabilità del terreno ho aggiunto del lapillo lavico e sabbia e le innaffio a giorni alterni.
    Volevo sapere se per compensare lo stress subito potevo somministrare un prodotto tipo il Vitacrop della Sariaf che è un concime organo minerale biostimolante 5.4.4 con microelementi oppure è meglio aspettare che le temperature diventino più miti e proseguire solo con acqua a giorni alterni.
    Grazie in anticipo
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per esperienza so che è meglio aspettare e concimare in autunno, quando le temperature si saranno mitigate; ma non le dico niente di nuovo visto che nella sua domanda c'era anche la giusta risposta :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...